segnaposto
  tit2
  Jabeur
 

 

L’espressione “dialogo interreligioso” è da un po’ entrata in auge nel lessico religioso. Merita però indagare sul senso che si vuole attribuire a tale formula, perché a volte si ha la sensazione che sia entrata a far parte del politically correct in campo religioso. Ma cosa ci sta dietro? Un prerequisito affinché vi sia dialogo fra due o più visioni religiose è che sussista all’interno di ciascuna di esse una possibilità reale di dialogo, così come un’effettiva libertà di ricerca. Se questo manca, il dialogo fra le religioni assume le sembianze di una assai poco convincente forma di diplomazia curiale che non sfiora, neppure lontanamente, il cuore della questione. Anche perché le istituzioni religiose non possono pretendere di detenere il monopolio dell’interrogazione religiosa.
Il dialogo religioso che qui proponiamo è ricerca di senso, dialogo dialogante della vita con la vita.

 

 

Giorgio Agamben: Idea del risveglio
Andrea Babini:Il senso di colpa
Federico BattistuttaParole parole parole
Federico Battistutta:Prefazione alla 2°edizione di"Buddha è morto"
Federico Battistutta: Prefissi per il dialogo religioso
Federico Battistutta: La profezia nuova di Th. Merton e R. Panikka
A. Bausani: Lettera al padre
Maciej Bielawski: Teilhard de Chardin e R. Panikkarr: Evoluzione e armonia
Maciej Bielawski: H. Le Saux e R. Panikkar- Storia e interpretazione di un amicizia
Jiso Forzani: Le religioni non hanno il monopolio della religiosità
Jiso Forzani: A, non-A e le tre scimmiette
Jiso Forzani: Identità e dialogo
Hoseki Schinichi Hisamatsu: La pienezza del nulla
P. Krishna: L'arte del dialogo
Ercole Ongaro: Note a "Verità e cammino" di Federico Battistutta
Valerio Pignatta : L'ateismo religioso di Raimon Panikkar 
Koho Watanabe: Vivere con il tutto che vive


 

 

 

 

 

archivio futuro