segnaposto Titolo
Buber

Ferdinando Tartaglia (Parma, 1916 – Firenze, 1987) è stato pensatore, poeta, scrittore e teologo italiano. Viene oggi considerato uno dei più singolari protagonisti del XX secolo riguardo il pensiero religioso contemporaneo. Viene ordinato sacerdote a Parma e si laurea in teologia nella Pontificia Università Gregoriana. Subisce diversi provvedimenti restrittivi da parte delle autorità ecclesistiche e nel 1946 viene colpito dalla più solenne scomunica prevista nella Chiesa. Sempre nell’immediato dopoguerra con Aldo Capitini fonderà il Movimento di religione, che lascerà dopo pochi anni. Si ritirerà così da ogni attività pubblica, interrotta con un intervento nel 1960.
Enorme è la mole dei suoi scritti, che solo negli ultimi anni sono stati pubblicati in minima parte.
Tra le sue opere: Progetto di religione, Modena, Guanda, 1951; Discorso di tre aprile, Firenze, R. N.,1960; Tesi per la fine del problema di Dio, Milano, Adelphi, 2002; Esercizi di verbo, Milano, Adelphi, 2004.

 

Cesare Garboli : Tartaglia, giullare di Dio
Sergio Givone :Tartaglia, le parore per dire l'Indicibile

Federico Battistutta: Tra anarchia e religione
Federico Battistutta: Ad vitandum
Federico Battistutta: Orfano Orfeo
Federico Battistutta: Spigolature spigolose
Roberto Saviano: Fenomenologia di un’eresia anarchica

archivio futuro