segnaposto Titolo
Buber

Alan Wilson Watts (Chislehurst, 1915 -  Mt. Tamalpais, 1973) è stato un filosofo di origine inglese. Nato nel Kent, da una famiglia appartenente alla middle class, frequentò il King's College di Canterbury.Venne anche ordinato sacerdote della chiesa anglicana. Si trasferì negli USA nel 1938, approfondendo i suoi studi riguardanti la filosofia e le religioni orientali (buddhismo zen, taoismo, induismo), sviluppando parallelamente una critica della religione cristiana.
In Europa, ebbe modo di conoscere lo psicologo Carl Gustav Jung, grazie al quale potè approfondire alcuni temi concernenti tratti particolari dell’esperienza religiosa. Al suo ritorno negli Stati Uniti fu introdotto all'esperienza psichedelica, che risultò per lui significativa. Importanti furono anche gli incontri con D.T. Suzuki, Gary Snyder e Gregory Bateson. Negli ultimi anni della sua vita divenne uno dei punti di riferimento per l'area della controcultura. Ebbe anche modo di insegnare in alcune università statunitensi, come Cambridge, Cornell e Hawaii. Morì di scompenso cardiaco all'età di 58 anni, dopo uno stancante tour di seminari.
Tra le sue opere tradotte: La via dello Zen, Milano, Feltrinelli, 1971; Il Tao: la via dell'acqua che scorre, Roma, Ubaldini, 1977; La saggezza del dubbio, Roma, Ubaldini, 1981; Il Dio visibile, Milano, Bompiani, 1995.

 

Alan W. Watts: Gesù e la sua religione
Alan W. Watts: Una significativa insensatezza
Alan W. Watts: Beat zen, square zen e zen
Alan W. Watts: Una conferenza sullo zen
Alan W. Watts: Il libro sui tabù
Alan W. Watts:
La saggezza del dubbio

archivio futuro